BLACKSAD – Da qualche parte tra le ombre

copertina blacksad1

Blacksad è un piccolo capolavoro che non dovrebbe mancare nella collezione di un appassionato di fumetti e non solo perché l’edizione cartonata della Rizzoli Lizard fa una gran bella figura in libreria.

Da qualche parte tra le ombre è un fumetto un po’ crudo, un po’ sporco, un noir dove i disegni e soprattutto i colori, accompagnano e arricchiscono una storia di vendetta autoconclusiva, ambientata in quelli che sembrano gli anni Trenta negli Stati Uniti.

Questo è il primo volume di cinque, caratterizzato da personaggi antropomorfi che sembrano riportare il lettore nelle favole, solo con una sfumatura più matura.

Da pochi giorni, inoltre, la Rizzoli Lizard ha dato notizia che ad aprile pubblicherà un’edizione integrale che conterrà tutti e cinque i volumi del Gatto Nero, in un cartonato di 300 pagine. Un’ottima occasione per portarsi a casa le magnifiche storie di Blacksad al prezzo di 49,00 euro.

Trama

Una stella è scomparsa lasciando al buio il mio passato,
nascosto da qualche parte tra le ombre.

La storia inizia con il ritrovamento del cadavere di Natalia, una vecchia fiamma del protagonista.

Dopo una breve parentesi sui ricordi del gatto nero J. Blacksad, un passato felice dove i colori delle tavole spiccano con forza, in contrasto con il presente, iniziano le investigazioni dell’eroe.

Più Blacksad si avvicina a scoprire il colpevole, più sembra che scenda in un mondo pericoloso e senza via d’uscita, costretto a rischiare la vita per raggiungere il suo obiettivo. Quando anche il commissario di polizia riceve l’ordine di insabbiare l’inchiesta, solo il protagonista può continuare a scavare nel marciume per raggiungere i potenti che la legge non può toccare.

La trama è lineare, per nulla impegnativa e senza particolari colpi di scena, ma ben narrata e senza sbavature. La tensione cresce lievemente nel finale anche se non tanto per la scoperta del vero assassino quanto per il coinvolgimento emotivo del nostro gatto nero.

pagine

Personaggi

Mi piace pensare a un mondo più giusto,
dove anche i potenti pagano per le loro colpe.

Il protagonista della nostra storia è J. Blacksad, un investigatore privato. È un personaggio che ricalca molto l’idea classica dei protagonisti del genere noir, con il loro rimpiangere qualcosa del passato, forse in maniera quasi troppo stereotipata. Non è ancora ben delineato e sembra muoversi per tutta la narrazione come un burattino, legato al suo ruolo e al genere del fumetto. Questo è comprensibile, considerando che si tratta di un primo volume e di una storia autoconclusiva di sole cinquanta tavole.
Rimane comunque un personaggio interessante, nonostante paia acquisire spessore solo nel finale.

Gli altri personaggi sono semplici comparse. Ognuno di loro ha una mansione quasi ovvia secondo il suo aspetto (basti pensare al commissario disegnato come un pastore tedesco), ma la cosa non è un grande problema visto che ognuno di essi compare per poche tavole e in questo modo è facilmente riconoscibile.

Conclusioni

Ma chi può permettersi di parlare di etica… coi tempi che corrono?

Blacksad è un fumetto che trasporta il lettore in una città realistica dove forti, deboli, ricchi, poveri e malviventi si muovono e si mischiano guidati dalle emozioni di ogni essere umano.

La storia è un giallo piacevole, raccontato da Juan Diaz Canales che in questo primo numero mostra le ombre dietro un mondo corrotto dove l’etica non ha quasi alcun valore e per raggiungere la giustizia diventa necessario andare oltre la legalità come nei classici del genere. È una lettura che fa venir voglia di conoscere meglio il protagonista e l’ambiente in cui si muove.

La parte grafica è preponderante, ricchissima di dettagli, splendida nel creare le atmosfere anche grazie al sapiente uso del colore e ogni singola vignetta è curata, con inquadrature d’impatto.

Blacksad è un fumetto che consiglio nonostante la mancanza di colpi di scena e personaggi ancora acerbi perché è una storia logica e lineare, illustrata magnificamente. Una lettura che soddisfa, soprattutto la vista.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *