SEGNALAZIONE: Memorie di Taenelies – I Soli di Artchana

copertina memorie di taenelies

Titolo: Memorie di Taenelies – I Soli di Artchana

Autore: Giulia Coppa e Eric Rossetti

Editore: Europa Edizioni

Genere: Fantastico

Formato: Cartaceo e e-book

ISBN: 978-88-9384-954-8

Anno di pubblicazione: 2019

Pagine: 486

Prezzo: 18,90

Trama:

Nel continente di Taenelies i regni di Artchan e Tiresia sembrano aver trovato un equilibrio dopo secoli di conflitti, trasformazioni e cambiamenti. Una pace delicata, sorta sui cocci della guerra, viene scossa dalle ombre del passato, dalla Resistenza che, serpeggiante e sempre più pericolosa, ordisce malvagi e misteriosi piani di rivalsa. Il velo di pacifica di quotidianità viene strappato da turbolenti accadimenti e a chi toccherà lottare per la vita e il futuro? Il garzone Vian, con Mutt, Dean e Felis, si ritroverà senza patria e parte di una compagnia di mercenari, sul filo della magia e della lealtà. Partiti con un unico destino, si ritroveranno divisi da tortuose macchinazioni magiche e umane, al di sopra della loro giovane e ingenua immaginazione.

Link all’acquisto:

Estratto:

-Allenamento  finito-, esclamò Mosabo. I due ragazzi si rilassarono e quando passarono al  fianco di Gosa, lui li  fissò da capo a piedi, con uno sguardo storto.

Mutt e Vian arrivarono al lago. Dovevano darsi una rinfrescata. Tolsero le tuniche, ma notarono dopo Nova, seduta sulla riva, che li osservava. Vian tentò di pensare ad altro, però si sentiva un po’ a disagio, mentre Mutt, tranquillamente, si stava già sciacquando. Prendendo un bel respiro, anche Vian cominciò a lavarsi. – Pensate che pochi giorni di allenamento possano salvarvi la vita davanti al nemico? Anche noi, con anni di esperienza non sappiamo se torneremo a casa. Siete nulla più che una mera distrazione. Pensate, potreste distogliere l’attenzione di uno di noi se foste in pericolo e mettere a repentaglio la sua vita-, li attaccò bruscamente.

Vian si voltò verso di lei, avvicinandosi. Li stava affrontando e malgrado si vergognasse di indossare solo le braghe, non poteva ritrarsi da quelle parole. – Capisco che possiamo rappresentare un peso e ce la stiamo mettendo tutta. Purtroppo, noi abbiamo bisogno di essere qui-. Non voleva giustificarsi però doveva darle una scusa, senza sfidarla.

Mutt lasciò cadere la tunica a terra, andò vicino a Vian e incrociò le braccia. – Abbiamo le nostre motivazioni e tu sei l’ultima che dovrebbe aprire bocca. Abbiamo le stesse possibilità, non sei tanto più vecchia di noi. Inoltre, sei una ragazza-, esordì accendendo subito lo spirito bellicoso di Nova. Si alzò, tutta impettita, ma camminò tranquilla. Stava puntando verso di loro, ma nessuno dei due aveva intenzione di spostarsi. Si guardarono un momento, ma nello stesso istante, Nova li prese per le braccia, fece uno sgambetto a entrambi e li ribaltò a terra. Rimase girata di spalle quando rivolse loro ancora poche parole. – In questa situazione ci sono in mezzo da sempre, non paragonatemi a voi neanche lontanamente. Nel vero pericolo, voglio proprio vedere se il vostro istinto vi indurrà a combattere o a fuggire. Tutti qui abbiamo avuto difficoltà. Questo per voi eguaglia il suicidio e le persone che prendono le cose sottogamba mi danno sui nervi-. E proseguì il suo cammino verso l’accampamento mentre loro erano ancora a terra. Le parole di Nova avevano trafitto il petto di Vian come lance.

Eventuali link di contatto dell’autore:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *