Come un Dio immortale

copertina come un dio immortale

Come un Dio immortale è il terzo libro scritto dall’autrice Maria Teresa Steri, un thriller sovrannaturale ambientato in una cittadina italiana imprecisata, dove da anni avvengono strani rapimenti e sparizioni. Possibile che tutto questo sia collegato con l’omicidio di un ragazzo trovato vestito solo con un saio? E chi è che continua a seguire Flavio, un ragazzo comune in procinto di sposarsi?

Trama

“Da secoli questi luoghi sono abitati da persone fuori dal comune che conoscono i segreti della vera natura dell’uomo e della sua evoluzione spirituale”.

La storia inizia con la sparizione di Lyra, una bambina di circa sei anni dai capelli rossi e gli occhi cerulei. La madre, una giovane ragazza ventenne, continua a vaneggiare di averla affidata ad un certo Masterwen, uno scrittore di libri dell’occulto, nonché suo maestro.
La polizia non trova traccia dell’uomo misterioso e, dopo aver vagliato alcune piste più verosimili, il caso viene abbandonato e la donna rinchiusa in un centro specializzato in malattie psichiatriche.

Ventotto anni dopo, Flavio e Milena stanno organizzando i preparativi per il matrimonio. Dopo l’ennesima discussione sui particolari della cerimonia, il ragazzo lascia la casa della fidanzata per prendere una boccata d’aria al parco e sciogliere la tensione.
Sfortunatamente una strana chiamata interrompe i pensieri del giovane: una donna vuole avvisarlo del furto avvenuto da poco in casa sua, un furto che comprende anche alcuni documenti che riguardavano proprio Flavio.

Proprio durante la chiamata, due persone aggrediscono il giovane, facendogli perdere i sensi. Al suo risveglio, il ragazzo si trova in una baracca, accudito da una giovane senzatetto dai capelli color del fuoco.

Da quel momento la vita di Flavio cambierà drasticamente, stravolgendo anche quella delle persone a lui più vicine.

Personaggi

“Avevo sedici anni quando vidi morire la mia famiglia e tutti i miei amici”.

Tuti i personaggi principali della storia sono ben caratterizzati. Soprattutto all’inizio della narrazione, hanno difetti molto spiccati che li rendono profondamente realistici, anche se non per forza simpatici al lettore. La loro imperfezione rivela quanto siano egoisti e proprio per questo profondamente umani, con le loro insicurezze e paure.

Flavio è il protagonista della nostra storia. È un ragazzo irrequieto, un dongiovanni che sembra aver messo la testa a posto dopo l’incontro con la sua fidanzata, arrivando a chiedere la sua mano.
In realtà, è ancora scostante e insoddisfatto, tanto che basta un incontro con Lyra per fargli mettere da parte tutti i suoi sentimenti per Milena, senza il minimo riguardo nei confronti dei suoi impegni o di quello che prova la giovane.
Il protagonista è stato il personaggio con cui sono entrata meno in sintonia proprio a causa del suo comportamento, tuttavia, durante il corso della narrazione, matura fino a trovare quello che sembra essere il suo posto nel mondo e la sua filosofia di vita.

Milena è la promessa sposa di Flavio. È una giovane donna nata in una famiglia molto attenta alle apparenze e alle convenzioni sociali e per questo sempre molto rigida e impostata. Sembra che la sua unica aspirazione nella vita sia quella di crearsi una famiglia, ma nasconde anche un segreto che la divora.
Durante la storia si troverà a far fronte a situazioni dolorose, assurde e molto spesso pericolose che andranno a minare le sue certezze. Sarà così spinta a mettere in dubbio la sua vita e a ragionare sui suoi veri desideri.

Lyra è una senzatetto, cresciuta completamente isolata dal mondo. Conosce l’utilizzo delle erbe per creare droghe e medicamenti ed è convinta dell’esistenza di creature incorporee che desiderano un risveglio spirituale degli uomini, per farli evolvere.
All’inizio della narrazione sembra nutrire un profondo disprezzo per la società e le persone comuni che lei chiama “ordinari”. Il suo unico desiderio pare sia quello di tornare nel suo piccolo mondo isolato. Solo con il proseguire della storia verrà fatta luce sui motivi che l’hanno spinta ad abbandonare la sua vita precedente e si scoprirà quanta forza nasconde.
Lyra è uno dei personaggi che cambia meno all’interno del volume: lei ha già trovato la sua strada e sa già in cosa credere. Imparerà, però, come Flavio, ad accettare tutte le sfumature della realtà, anche quelle più ordinarie.

Rocco è il fratello di Lyra. La scomparsa della sorella gemella lo ha spinto a diventare un poliziotto e il desiderio di ritrovarla è diventato per lui un’ossessione. È pragmatico e concreto, responsabile, ma non ha mai smesso di cercare il colpevole della sparizione di Lyra, che incolpa del dolore causato alla sua famiglia.
Durante la narrazione, la sua morale viene messa a dura prova, così come le sue sicurezze, arrivando a spingersi al limite della sua etica professionale per salvare la sorella.

Conclusioni

Avremmo potuto scoprire ciò che la gente pensa e sente, dare un’occhiata al futuro immediato e al passato più recente, condizionare i sogni….

Come un Dio immortale è un thriller ben strutturato, si vede il grande lavoro che è stato fatto per rendere realistica e credibile la logica della storia: solo in un paio di occasioni le azioni dei personaggi mi sono sembrate un po’ forzate.

Il sovrannaturale, per parte del volume, rimane in secondo piano, rilegato in quelle che sembrano credenze assurde, ma con il proseguire della narrazione acquista sempre più importanza fino a diventare il centro della storia.

Nella prima parte del romanzo, a causa dei personaggi con i quali non sono riuscita ad entrare in empatia, la lettura è stata un po’ difficoltosa, ma l’originalità della trama ha mantenuto alta la curiosità, soprattutto grazie all’abilità dell’autrice di lasciare in sospeso in maniera del tutto credibile la verità sulle sette e sugli “incorporei”.
Poco a poco il ritmo della storia si fa più serrato, gli avvenimenti si susseguono costringendo il lettore a sfogliare le pagine per capire come andrà a finire.

Come un Dio immortale è un volume che consiglio, soprattutto a chi non vuole dare fiducia ad autori italiani che autopubblicano le proprie opere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *